Riflessioni per Imbolc 2022

Ma come sarà questo nuovo mondo? Molti si domandano ora cosa accadrà. Sappiamo bene tutti che qualcosa cambierà ma che direzione prenderà è un mistero.


E allora vi voglio parlare della Luna Nera 🌚 in Acquario ♒️. Perché è così importante questa luna e il suo coincidere con Imbolc (o candelora)?


Imbolc rappresenta il rinnovamento, la luce che ritorna, e quale migliore occasione, insieme alla luna nera, per avere chiaro il nostro intento? Mentre l’acquario non vede l’ora di riversare la sua saggezza nel mondo….




L’acquario è un essere sociale infatti l’astrologia esoterica gli da come reggente Giove. Ama stare in comunità, possedere un gruppo di riferimento. E dico possedere perché l’acquario non è certo un segno che sta in disparte, che guarda da lontano. È bramoso dell’azione nel gruppo, membro attivo della comunità, ama essere in mezzo alla gente e distinguersi. Conosce bene i suoi talenti e li mostra senza timore alcuno. Il rischio è che il suo atteggiamento diventi dispotico e che subdolamente comandi sugli altri.


Sono i due volti dell’archetipo stellare…quello mosso dalla luce e quello mosso dall’ombra. Esistono e coesistono entrambi. Come sempre sta a ognuno di noi bilanciare queste energie e trovare la giusta alchimia. La temperanza è sempre una buona alleata quando si tratta di armonizzare. Al di là del proprio tema Natale tutti gli archetipi stellari risuonano in quanto rappresentano il cielo stellato sopra di noi e in qualche modo ne siamo connessi.



Ecco come mi sono immaginata il mondo nuovo sotto la spinta dell’acquario…





Ho visto un mondo dove le frequenze o vibrazioni sono alla base di tutto…si impara a percepire presto le energie sottili e si applicano ad ogni campo umano.


Esistono però due cammini che vedo…uno più rapido e uno più lento.


Il primo si dimentica dell’uomo e potenzia al massimo la tecnologia diventando inevitabilmente dispotico perché accecato dal mondo artificiale che velocemente ti porta verso le stelle e allontanandosi dalla propria umanità, si dimentica che i suoi piedi sono per terra.


È come se nel muoversi verso le dimensioni più sottili ci fosse l’effetto collaterale di dimenticare la dimensiona sottostante. Come potenziare i chakra superiori dimenticandosi di quelli inferiori…questo provocherebbe la morte del corpo e la fine dell’umanità.


In questa riflessione non voglio dare un giudizio ma parlarvi di una mia visione.


Il secondo cammino è certamente più lento e faticoso sotto certi aspetti. L’uomo esiste e ne è il protagonista. È consapevole che dentro di lui esiste un potenziale divino. Che può elevarsi fino a giungere alle stelle ma non si dimentica di essere sulla terra.


Madre Terra, come lo era per gli antichi popoli, è sacra. È colei che ci nutre e ci sostiene. Attraverso di lei scorrono le stagioni e si esprimono gli elementi e l’umanità avanza al ritmo del mondo. Madre terra è madre di ogni essere, è principio creativo!


Nel secondo cammino l’uomo conosce e desidera esplorare lo spazio profondo. Sa che ci sono molti modi per giungere alle stelle. Conosce e sta riscoprendo in modo più sottile le frequenze e le vibrazioni e sa che saranno il futuro, ma non si affida solo alla tecnologia per scoprirlo. Ne fa buon uso si, ma è consapevole delle sue potenzialità e quindi ritorna alle vecchie pratiche, che già sperimentavano le vibrazioni, e, attraverso questi antichi saperi, che adesso possono entrare in risonanza anche con la tecnologia, si spinge verso altre dimensioni, ma con la convinzione che la tecnologia è solo un supporto ma che mai sostituirà l’essere umano nella sua evoluzione.

L’evoluzione sarà interiore prima di tutto!


Nel primo cammino si continua a delegare la nostra sopravvivenza a qualcun altro, che facilmente diventerà dispotico (vedi la storia), mentre nel secondo ci assumiamo la piena responsabilità del nostro vivere e solo così, a mio avviso, saremo liberi e danzeremo con l’universo!


Saremo una comunità in grado di far fronte a questa sfida del futuro assumendoci la piena responsabilità delle nostre azioni? O resteremo ancora qui ad aspettare…?


Io ho scelto il cammino che voglio fare…e voi?

con Amore e Rispetto 🙏🏻 Teresa